― Advertisement ―

spot_img

Paolini e Mozzetti alzano il tricolore in gare storiche

LONDRA - Un mese fa gli appassionati di sport italiani avrebbero potuto pensare che questa settimana avrebbero guardato la loro squadra difendere il titolo...
Homesport"Non è una bella giornata": il Team New Zealand subisce un incidente...

“Non è una bella giornata”: il Team New Zealand subisce un incidente durante i test durante la sosta ad Auckland

Il Team New Zealand ha affrontato “condizioni da champagne” ma è stato coinvolto in un incidente di prova questa settimana al porto di Waitemata.

Dopo essere tornato dalla base di Barcellona, ​​il Team New Zealand è tornato brevemente ad Auckland in vista della prossima regata preliminare dell’America’s Cup a Jeddah, Arabia Saudita (29 novembre – 2 dicembre).

L’equipaggio difensore della Coppa guidato da Peter Burling, con Nathan Outridge, Blair Tuck e Andy Maloney, ha goduto di un tempo di navigazione quasi perfetto quando lunedì sono ripresi i test con l’AC40.

Tuttavia, presto hanno avuto problemi a controllare il foil sul lato sinistro della barca, causando un forte spruzzo quando il LEQ12 AC40 è caduto in acqua.

Non è stata trovata una soluzione rapida e il tentativo di riavvio è stato abbandonato fino al giorno successivo.

Le condizioni dello Champagne sarebbero state buone verso ovest, con una velocità compresa tra 10 e 15 nodi. “Abbiamo avuto un bel periodo di tempo dal nostro ritorno, ma oggi abbiamo avuto alcuni problemi nel controllare i fiocchi”, ha detto Davis lunedì.

Lunedì il Team New Zealand è stato coinvolto in un incidente durante i test ad Auckland.

Sam Tom/Coppa America

Lunedì il Team New Zealand è stato coinvolto in un incidente durante i test ad Auckland.

“Non abbiamo avuto molti giorni come questo, quindi, sì, c’è un po’ di peccato e abbiamo lavorato molto perché l’affidabilità è fondamentale, ma no, non è una buona giornata per noi. per farlo bene.”

I meccanici hanno risolto la frustrazione durante la notte e Team New Zealand ha ripreso i test martedì, navigando sull’isola di Rangitoto quando la velocità del vento ha raggiunto i 17 nodi.

La loro barca AC40 ad Auckland è diversa dai requisiti che avranno in Arabia Saudita per partecipare alla prossima regata contro i cinque rivali dell’America’s Cup: Team Britannia, Luna Rossa Team italiano, Alinghi Team svizzero, Orient Express Team francese e American Magic Team.

Ci sarà una categoria rigorosamente unica per le regate di Jeddah, come è avvenuto nella prima regata della 37esima America’s Cup a Vilanova i la Geltru lo scorso settembre, vinta dal team americano dopo l’interruzione dell’evento sulle coste spagnole. A seconda del tempo.

Prima di recarsi in Arabia Saudita la prossima settimana, l’attenzione del Team New Zealand ad Auckland sarà esclusivamente sui test con una varietà di nuove attrezzature e configurazioni.

L'equipaggio neozelandese non è stato in grado di rilanciare per i test fino a martedì.

Sam Tom/Coppa America

L’equipaggio neozelandese non è stato in grado di rilanciare per i test fino a martedì.

“Guidare con queste barche è molto diverso da quello con le barche monotipo. È un po’ difficile fare paragoni, ma prenderemo dei voti, faremo un po’ di pratica sulla partenza e sulla distanza, poi ci abitueremo di nuovo e comunicheremo semplicemente durante il percorso”. , ma per ora il focus è sullo sviluppo”, ha aggiunto Davies.

Martedì la navigazione è stata più tranquilla nonostante le condizioni avverse e Burling è stato sostituito nell’equipaggio da Josh Jr, dando a uno dei marinai di riserva la possibilità di prendere le redini.

Le barche AC40 sono barche da coppa di dimensioni dimezzate rispetto ai modelli AC75 che verranno utilizzati per l’evento principale del prossimo anno a Barcellona dal 12 al 20 ottobre.

C’è solo una regata preliminare dopo l’Arabia Saudita, a Barcellona il prossimo agosto, anche se nessuno dei risultati conta ai fini della serie di sfidanti che determina quale barca il Team New Zealand dovrà regatare per difendere la Auld Mug Cup.

READ  Ten Hag in Sancho MIX UP, Sir Jim Ratcliffe affronta la concorrenza per il "Goal No.1"