Quattro grafici che mostrano come è probabile che si diffonda il vaiolo delle scimmie

In poche settimane, il vaiolo delle scimmie si è diffuso in 37 paesi non endemici, con oltre 2.600 casi; Ecco quattro possibili scenari basati sulla nostra conoscenza della storia di altre malattie infettive

Ci sono vaccini contro il vaiolo delle scimmie che sono efficaci all’85%. Immagine: iStock

Il primo caso umano di virus del vaiolo delle scimmie è stato segnalato nel 1970 nella Repubblica Democratica del Congo. Da allora, ci sono stati molti focolai di vaiolo delle scimmie, ma si sono autolimitanti, poiché le catene di trasmissione umana sono terminate senza causare epidemie.

L’attuale focolaio, tuttavia, è diverso. C’è più trasmissione da uomo a uomo e si sta diffondendo su un’area geografica molto più ampia.

spiegato: Cos’è il vaiolo delle scimmie? Scopri i sintomi, le cause e la prevenzione

In poche settimane, il vaiolo delle scimmie si è diffuso in 37 paesi non endemici, con oltre 2.600 casi. Quindi, cosa è probabile che accada al vaiolo delle scimmie nelle settimane e nei mesi seguenti?
Ci sono grandi lacune in ciò che sappiamo sul vaiolo delle scimmie, ma combinare ciò che sappiamo con la storia di altre malattie infettive consente di analizzare potenziali scenari futuri.

I quattro scenari seguenti si basano sulle seguenti conoscenze: il numero medio di persone che una persona infetta può essere infettata (supponendo che non siano state vaccinate contro il virus o abbiano avuto la malattia in precedenza) è 2,13. Questo è chiamato il numero riproduttivo di base, o R.

Leggi anche: Sono stati segnalati più di 1.000 casi di vaiolo delle scimmie da 29 paesi non endemici: l’OMS

READ  Ogni meteora bolide che ha colpito l'atmosfera terrestre negli ultimi 33 anni è stata rivelata in una nuova mappa

Immunità di gregge Il punto in cui un numero sufficiente di persone ha l’immunità in modo che nessuna trasmissione di malattie possa continuare è del 53 percento (corrispondente al valore R). Il periodo di incubazione, che è il periodo che va dall’infezione del virus alla comparsa dei sintomi, varia da cinque a 21 giorni.

Scenario 1: focolaio autolimitante

L’epidemia del 2022 sembra essere iniziata come un evento molto diffuso che coinvolge una rete di uomini per lo più che hanno rapporti sessuali con uomini.

Ma fino all’attuale focolaio, si presumeva che la trasmissione del virus da uomo a uomo relativamente bassa rendesse improbabile che il virus si diffondesse oltre la comunità iniziale.

Grafico che mostra il numero giornaliero di casi nello scenario 1. Adam Klikkowski. L’entità e la durata dell’epidemia qui e nei grafici seguenti sono solo a scopo illustrativo e non costituiscono una previsione dettagliata di ciò che potrebbe accadere in futuro.

In questo scenario, l’epidemia termina rapidamente una volta che la popolazione a rischio viene immunizzata e l’immunità di gregge viene raggiunta localmente. In passato, molte persone avevano una certa immunità (chiamata immunità crociata) dai programmi di vaccinazione di massa contro il vaiolo alla fine del XX secolo. Quindi il numero effettivo di riproduzione, R, può essere vicino a uno o addirittura inferiore a uno e la trasmissione si interromperà presto.

I cambiamenti comportamentali possono ridurre ulteriormente il numero R. Ad esempio, una vaccinazione circolare può costituire un incendio, che riduce ulteriormente la popolazione suscettibile. Epidemie precedenti simili includono l’epidemia di SARS del 2002-04, quando un intervento rapido ha impedito la diffusione della malattia.

Leggi anche: Focolaio di vaiolo delle scimmie: l’OMS “interessato” convoca una riunione di emergenza

Scenario 2: tutta la popolazione

La continua diffusione del vaiolo delle scimmie a maggio e giugno 2022 indica che il virus si sta spostando oltre il web originale.

READ  Fossile di dinosauro di 125 milioni di anni con il più antico ombelico conosciuto dalla scienza

L’entità dell’epidemia ha già superato il più grande focolaio del 2017-2019 nella Repubblica Democratica del Congo (760). È possibile che grandi raduni, inclusi rave e festival, abbiano creato nuovi gruppi di trasporto.

Grafico che mostra il numero giornaliero di casi nello scenario 2. Adam Klickzkowski

Lo scenario 2 presuppone che tutti sotto i 50 anni siano suscettibili alle infezioni, riflettendo la fine della vaccinazione obbligatoria contro il vaiolo negli anni ’70 e ’80. Il virus continuerà a diffondersi, cercando efficacemente sacche di comunità ad alto rischio e non immuni.

A meno che una combinazione di tracciamento dei contatti e vaccinazione ad anello non fermi la diffusione, il vaiolo delle scimmie continuerà a diffondersi. Ma a causa del basso tasso di trasmissione del vaiolo delle scimmie, l’epidemia potrebbe svanire prima che raggiunga la soglia di immunità di gregge del 50% della popolazione.

Scenario 3: diventa endemico

Trama che illustra lo scenario 3

L’eradicazione completa del vaiolo delle scimmie è impossibile perché il vaiolo delle scimmie è presente in un’ampia gamma di ospiti animali. La sua bassa trasmissibilità significa anche che può sopravvivere a bassi livelli della popolazione. Inoltre, il lungo periodo di incubazione e i sintomi variabili consentono di evitare il rilevamento. Pertanto, il vaiolo delle scimmie potrebbe essersi già diffuso da molto tempo.

Leggi anche: Monkeypox si diffonde in Francia e Germania; 11 nuovi casi nel Regno Unito

Nello scenario 3, dopo un focolaio grave, la malattia si stabilizzerà a un livello stabile e relativamente a lungo termine. Simile al vaiolo o alla varicella prima della vaccinazione.

Un afflusso di persone suscettibili attraverso la nascita o la migrazione manterrà il virus nella popolazione. Potrebbero essere necessari programmi di vaccinazione di massa per eradicare la malattia. Ma la trasmissibilità relativamente bassa del vaiolo delle scimmie significa che è probabile che tali programmi siano molto efficaci.

READ  Quando e come guardare la NASA volare in elicottero su Marte questa domenica mentre un drone sta volando "ingegno"

Scenario 4: grandi epidemie ricorrenti

L’attuale epidemia potrebbe essere il primo esempio di una serie di focolai. A lungo termine (Scenario 4), dovremmo aspettarci una recrudescenza del vaiolo delle scimmie causato da eventi futuri sugli animali poiché la malattia viene trasmessa da un ospite animale a un essere umano. Man mano che l’immunità crociata dai vaccini contro il vaiolo diminuisce, le epidemie possono diventare più gravi.

Poco si sa sulla possibilità che il vaiolo delle scimmie muti. Tuttavia, esiste la possibilità che possa evolversi in una variante a rapida diffusione.

Esistono vaccini efficaci contro il vaiolo delle scimmie, con un’efficacia di circa l’85%. Sebbene attualmente non ci siano dosi sufficienti per vaccinare tutti, non è necessario un programma di vaccinazione di massa a causa del basso tasso di trasmissione del vaiolo delle scimmie. Invece, le vaccinazioni dovrebbero essere offerte alle persone più a rischio, comprese le comunità in Africa che hanno più contatti con animali selvatici portatori del virus.

(Questo articolo è apparso per la prima volta in The Conversation)

Giustina Rizzo

"Appassionato di musica. Giocatore. Professionista dell'alcol. Lettore professionista. Studioso del web."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x