― Advertisement ―

spot_img

Paolini e Mozzetti alzano il tricolore in gare storiche

LONDRA - Un mese fa gli appassionati di sport italiani avrebbero potuto pensare che questa settimana avrebbero guardato la loro squadra difendere il titolo...
HomesportRTL Today - Il giovane Dragoni del Barcellona affronta una nuova era...

RTL Today – Il giovane Dragoni del Barcellona affronta una nuova era ai Mondiali per l’Italia

La Coppa del Mondo segna l’alba di una nuova era per le donne italiane con la giovane centrocampista del Barcellona Giulia Dragoni il volto emozionante di un nuovo capitolo.

E la capitana di lunga data Sara Gama, 34 anni, è stata esclusa dalla rosa di Melina Bertolini perché l’allenatore dell’Italia ha fatto spazio ai talenti emergenti.

Dragoni ha prenotato il suo posto sul volo per Australia e Nuova Zelanda dopo aver impressionato per la prima volta all’età di 16 anni come sostituto nel recente pareggio a reti inviolate con il Marocco.

È improbabile che il giovane giovanotto inizi contro l’Argentina quando l’Italia comincerà il suo cammino di Coppa del Mondo lunedì ad Auckland, data la forte concorrenza a centrocampo guidata da Manuela Giugliano.

Ma Dragoni potrebbe giocare un buon ruolo nel torneo mentre l’Italia cerca di dimostrare di essere migliore della sua triste prestazione a Euro 2022.

L’Italia ha sorpreso raggiungendo i quarti di finale dell’ultima Coppa del Mondo – la prima in due decenni – ma è arrivata ultima nel proprio girone di un punto ai Campionati Europei in Inghilterra.

Dragoni è stato chiamato insieme a un altro giovane talento come Emma Severini della Fiorentina, in una rosa di 15 uomini della Juventus e della Roma appena incoronata campione d’Italia.

Dragoni, che ha giocato a calcio misto fino all’età di 13 anni e si è guadagnata il soprannome di “Little Messi”, è una star in divenire.

Dopo aver lasciato l’Inter a gennaio, ha segnato quattro gol in 10 partite quando la squadra B del Barcellona ha vinto il titolo di seconda divisione, facendo anche parte della prima squadra che ha vinto la Champions League.

READ  Calcio: il Villarreal crede nelle proprie possibilità contro il Bayern, afferma Emery

“Da settembre abbiamo iniziato a provare cose nuove ea portare nuovi giocatori”, ha detto Bertolini.

“Non vogliamo attenerci a un solo stile di gioco perché la squadra deve essere in grado di adattarsi a seconda di chi deve affrontare”.

L’attuale posizione dell’Italia nel calcio femminile si riflette nell’obiettivo dichiarato di Bertolini per la Coppa del Mondo: uscire dal girone che comprende anche Svezia e Sudafrica e vedere come va da lì.

– Sopra le aspettative –

Il calcio femminile italiano ha fatto molta strada nei sei anni da quando Bertolini ha assunto la guida della nazionale, ma il paese è ancora indietro rispetto alle rivali europee Inghilterra, Germania, Francia e Spagna, per non parlare dei campioni del mondo degli Stati Uniti.

Una delle chiavi per l’ascesa dell’Italia al 16° posto nella classifica mondiale è stata Gama, ma è stata eliminata il mese scorso e il suo tempo come capitano e leader spirituale della nazionale sembra essere finito.

Gama è stata molto più di una giocatrice importante durante le sue 126 presenze con l’Italia: ha spinto affinché il suo paese prendesse sul serio il calcio femminile.

Vicepresidente dell’Associazione Italiana Calciatori, è abilitata a svolgere funzioni di direttore sportivo e presenza intellettuale capace di cambiare le percezioni.

Prima che l’Italia arrivasse in semifinale agli ultimi Mondiali, il calcio femminile era completamente dilettantistico e veniva ignorato o deriso dal grande pubblico.

Ma il superamento delle aspettative a Francia 2019, grazie in gran parte a una linea di difesa guidata da Gama in campo aperto, ha portato a un’udienza con il presidente italiano Sergio Mattarella e la Serie A femminile è diventata professionista.

READ  Gareth Southgate firma un nuovo contratto da allenatore dell'Inghilterra fino al 2024

L’esonero di Gama ha fatto infuriare il veterano difensore centrale, ma Bertolini insiste che l’Italia sia pronta ad andare avanti con la prossima generazione.

“Ci sono giocatori giovani che stanno crescendo e penso che ci siano giocatori più adatti al tipo di calcio che vorrei giocare ai Mondiali”, ha detto Bertolini.