La scioccante verità nell’orribile incidente di F1

Roman Grosjean si riprende in ospedale dopo un terribile incidente nel Gran Premio del Bahrain. Pic: Getty / Twitter

Il francese Roman Grosjean si riprende in ospedale dopo un terribile incidente nel Gran Premio del Bahrain avrebbe potuto essere molto peggio.

Nel primo giro, Grosjean si è spostato a destra alla terza curva, prima che Haas colpisse la ruota anteriore sinistra di AlphaTauri Daniel Kviat, infrangendo la barriera d’acciaio a 225 km / h.

Distruggimi: La lotta estenuante di Casey Stoner

Cuore spezzato: Confessione di un figlio triste nell’enigma di Schumacher

La forza d’impatto, registrata a 53G, ha diviso la macchina in due.

L’abitacolo di Grosjean è stato immediatamente incendiato e lo sport ha trattenuto il fiato mentre le telecamere della TV si sono allontanate in fretta dallo straordinario incidente e la corsa si è immediatamente interrotta.

Grogan, 34 anni, è uscito dalla sua macchina in fiamme per circa mezzo minuto prima di saltare finalmente tra le braccia del medico di Formula 1, Ian Roberts, uno dei primi uomini sulla scena.

Incredibilmente, il francese ha riportato ustioni su entrambe le mani solo dopo un terrificante incidente con una palla di fuoco.

Il Campione del Mondo 1996 Damon Hill – collega Ayrton Senna quando la leggenda argentina morì in un terribile incidente nel GP di San Marino nel 1994 – disse: “È un miracolo” che Grosjean sia ancora vivo.

L’autista del furgone medico Alain van der Merwe ha dichiarato: “È stata una grande sorpresa anche per noi, non abbiamo visto così tanti incendi da 12 anni.

“Roman ha iniziato a scendere dalla macchina da solo, il che è assolutamente incredibile dopo un incidente come questo. È stato un sollievo vedere che stava bene”.

READ  "Dobbiamo fare chiamate interurbane".

La squadra del pilota ha twittato un aggiornamento a Grosjean dal suo letto d’ospedale, poiché è ancora di buon umore.

Il francese ha ammesso che se non fosse stato per il dispositivo di sicurezza “HALO” della sua auto, probabilmente non sarebbe stato vivo.

“Roman Grojian rimarrà in ospedale durante la notte per ricevere cure per le ustioni che ha riportato sul dorso delle mani”, ha detto Haas.

I boss della Formula 1 hanno promesso un’indagine completa sui fallimenti rivelati dal terrificante incidente con la palla di fuoco di Grogan.

Halo è lodato come un salvavita

Con elogi diffusi per le moderne misure di sicurezza, guidate dal vincitore della gara Lewis Hamilton, echeggianti sul circuito del Bahrain International Circuit a Sakhir, l’amministratore delegato della Formula 1 Ross Brown ha detto che ci sono stati guasti inaspettati e inquietanti.

Ma si è unito a molti, incluso Grogan, nel lodare il ruolo salvavita del dispositivo di sicurezza “HALO” costruito intorno all’abitacolo di Grogan Haas.

“Ci sarà un’indagine approfondita sull’incidente”, ha detto.

“L’incendio è preoccupante. La spaccatura della barriera è preoccupante e la barriera sta cadendo a pezzi, ma possiamo essere contenti della sicurezza dell’auto – che ci ha portato fino ad oggi, ma le cose sono fallite inaspettatamente”.

Gli spettatori sono sconvolti dopo il terrificante incidente di Roman Grosjean nel Gran Premio del Bahrain.
Ci fu shock e incredulità quando l’auto di Roman Grosjean prese fuoco. Foto: Getty / Fox Sports

“Non abbiamo visto niente di simile da molto tempo, ma un setto spaccato di solito provoca la morte.

L ‘”aura” salvò la situazione e salvò Roman. All’inizio c’erano polemiche nel suo sviluppo, ma ora non ci sono dubbi, quindi i cappelli sono rivolti a coloro che hanno spinto per il fronte “.

C’erano esitazioni e una certa opposizione all’idea dell’aura quando l’ex direttore delle corse di F1 Charlie Whiting ne difese il valore e la sua introduzione nel 2018.

READ  Premier: Leeds, ok. Liverpool, solo 1-1 in casa con la World Boxing Association. Anche Ikal Tottenham, MO si ferma a Wolverhampton | all'estero

Grogan ha detto: “Non sono stato con l’aura alcuni anni fa, ma penso che sia la cosa più grande che abbiamo portato in Formula 1, e senza di essa non sarei in grado di parlarti oggi”.

La madre di Bianchi loda “Halo”.

Il dispositivo è stato proposto e costruito sulla scia della morte di Jules Bianchi morto nel 2015 per un trauma cranico riportato in un incidente al Gran Premio del Giappone 2014, nove mesi prima.

Domenica la madre dell’autista francese Christine ha inviato un breve e toccante messaggio, sintetizzando il valore del dispositivo.

“Hanno introdotto l’aura dopo l’incidente di mio figlio e ora l’aura ha salvato la vita di Roman oggi”, ha scritto, secondo i rapporti. “Va bene. Sono contento che stia bene.”

Anche Hamilton, il nuovo campione del mondo, ha espresso la sua gratitudine.

“È stata una foto terribile da vedere. È terrificante. Sono così grato che l’aura abbia funzionato – è un promemoria che questo è uno sport pericoloso”.

Con le agenzie

clicca qui Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere le ultime ultime notizie dall’Australia e da tutto il mondo.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x