Il Papa conforta i migranti nel secondo viaggio nell’isola greca, condanna la risposta dell’Europa alla crisi

Papa Francesco è tornato domenica sull’isola greca di Lesbo per offrire assistenza ai migranti in un campo profughi e far esplodere quella che ha definito l’indifferenza e l’interesse personale dell’Europa.

“Per favore, fermiamo il relitto di questa civiltà!” Nel campo di Mavrovuni, ha detto Francis, un gruppo di container bianchi dell’ONU si trova in riva al mare circondato da un recinto di filo spinato e coperto di biancheria essiccata all’aria.

Il Francesco smascherato ha trascorso il suo tempo a passeggiare per il campo domenica, accarezzando la testa di neonati e bambini e facendo selfie. Ha alzato i pollici dopo che le donne africane gli hanno cantato una canzone di benvenuto.

Questo è stato il secondo viaggio di Francis a Lesbo in cinque anni. Ha lamentato che poco fosse cambiato dal 2016, quando l’isola di Lesbo era al centro di una massiccia ondata migratoria verso l’Europa e quando il Papa ha portato a casa con sé 12 rifugiati musulmani siriani dall’isola sull’aereo papale.

Un gesto tangibile di solidarietà ha suscitato speranze tra gli attuali residenti del campo di Lesbo, alcuni dei quali hanno dato alla luce bambini qui in attesa che le loro domande di asilo vengano esaminate. Ma domenica non ci sono stati ponti aerei papali e lunedì Francesco è tornato in Vaticano.

I migranti si radunano fuori dalle loro case container mentre la polizia mette in sicurezza l’area prima della visita del Papa al campo profughi di Karatipe domenica. (Alessandra Tarantino/The Associated Press)

ha detto Ines Kiako del Congo, il cui figlio di due anni è nato a Lesbo. Ma come il piccolo Gilan, non ha documenti di identità ed è bloccata.

“L’arrivo del Papa qui ci fa sentire benedetti perché speriamo che il Papa ci porti con sé perché qui stiamo soffrendo”, ha detto Kiako, mentre aspettava che il papa arrivasse in una tenda.

Smettiamola di ignorare la realtà

Il tema dell’immigrazione ha dominato il viaggio di cinque giorni di Francesco a Cipro e in Grecia e il suo invito ai Paesi europei a mostrare maggiore solidarietà ai bisognosi. E domenica ha insistito perché l’Europa smettesse di costruire muri, suscitando paure e chiudendo le porte di “quelli che più ne hanno bisogno e che bussano alle nostre porte”.

Durante la prima tappa del viaggio di Francesco a Cipro, il Vaticano ha annunciato che nelle prossime settimane saranno trasferiti in Italia 12 migranti che sono passati dal nord separatista turco-cipriota. Funzionari ciprioti, che affermano che la nazione insulare dell’UE non può accettare più migranti, hanno affermato che alla fine ne sarebbero stati inviati un totale di 50.

Papa Francesco abbraccia un immigrato durante la sua visita al campo di Karatep a Lesbo. L’isola greca è stata al centro di una massiccia ondata di immigrazione verso l’Europa sei anni fa. (Alessandra Tarantino/The Associated Press)

“Chiedo a ogni uomo e donna, a tutti noi, di superare la paralisi della paura, l’indifferenza che uccide e il cinico disprezzo che con noncuranza condanna la morte ai margini”, ha detto domenica Francesco. “Smettiamola di ignorare la realtà, smettiamo di trasferire continuamente responsabilità, smettiamo di trasmettere ad altri il tema dell’immigrazione, come se non interessasse a nessuno, ma come un inutile fardello sulle spalle di qualcun altro”.

Deplorava il fatto che il Mediterraneo, “la culla di molte civiltà”, fosse diventato un vasto cimitero in cui affondavano barche di contrabbandieri, spesso piene di disperati.

“Non lasciamo che il nostro mare (il nostro mare(si trasforma in un desolato mare di morte)Mar Morto),” Egli ha detto.

La Grecia difende la risposta

Seduti davanti al papa in una tenda in riva al mare c’erano la presidente greca Katerina Sakellaropoulou, il vicepresidente della Commissione dell’Unione europea Margaritis Schinas e potenziali rifugiati dall’Afghanistan, dall’Iraq e dal Congo, tra gli altri paesi.

Rivolgendosi a Francesco, Sakellaropoulou ha difeso con forza la risposta della Grecia ai bisogni dei migranti e ha ringraziato il Papa per aver mostrato il suo sostegno con la sua presenza.

“È un forte messaggio di speranza e responsabilità che viene trasmesso da Lesbo alla comunità internazionale”, ha affermato.

Papa Francesco stringe la mano al presidente greco Katrina Sakellaropoulou durante una cerimonia nel campo profughi di Karatibi domenica. (Luisa Golyamaki/The Associated Press)

Il campo, dove le tende sono state recentemente sostituite con container, è in realtà un centro di detenzione temporaneo che ha sostituito un altro campo bruciato l’anno scorso. Fu costruito in attesa della costruzione di una “struttura controllata chiusa” sull’isola, essenzialmente un campo di concentramento.

Questi nuovi campi, finanziati dall’Unione Europea ma in conflitto con le organizzazioni per i diritti umani, sono già operativi su altre tre isole greche: Samos, Leros e Kos.

Più di un milione di persone, molte delle quali sono fuggite dalla guerra in Iraq e Siria, sono passate dalla Turchia alla Grecia nel 2015 e nel 2016 e Lesbo è stato il punto di passaggio più trafficato della Grecia. Il flusso potrebbe essere diminuito a Lesbo, ma non si è fermato e il sentimento anti-immigrazione è aumentato solo in Grecia e all’estero negli anni successivi, con l’ultimo focolaio di tensione al confine polacco dell’UE con la Bielorussia.

La Grecia ha recentemente costruito un muro d’acciaio lungo parte del confine terrestre greco-turco e intercetta le barche che trasportano migranti dalla parte turca. Nega le accuse secondo cui sta effettuando deportazioni sommarie di migranti che arrivano sul suolo greco, ma gruppi per i diritti umani affermano che molti di questi ritorni hanno avuto luogo.

Amnesty International ha affermato che i nuovi campi di internamento finanziati dall’UE nelle isole greche violano gli obblighi di Atene di fornire protezione internazionale a chi ne ha bisogno. “Secondo il diritto internazionale e dell’Unione europea, i richiedenti asilo dovrebbero essere detenuti solo come ultima risorsa”, ha affermato Amnesty.

Il ministro greco degli affari migratori Notis Mitarachi ha difeso la risposta della Grecia domenica, affermando che ha risposto “altruisticamente” alla crisi nel 2015 e continua a fornire protezione ai richiedenti asilo. E l’Unione Europea ha chiesto maggiori sforzi per aiutare i paesi in prima linea come la Grecia.

READ  Una raffica di missili è stata lanciata contro una base aerea che ospita soldati americani in Iraq | Notizie dal Medio Oriente

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x