La Normandia commemora il D-Day con piccole folle ma un grande cuore

Colleville-sur-Mer, Francia – Mentre il sole sorge sulla spiaggia di Omaha, rivelando vaste distese di sabbia bagnata che si estendono verso scogliere lontane, si comincia a rendersi conto dell’enormità del compito affrontato dai soldati alleati il ​​6 giugno 1944, quando sbarcarono sul occupata Normandy Beach.

Il 77esimo anniversario del D-Day Sunday è stato segnato da diversi eventi per commemorare l’attacco decisivo che ha liberato la Francia e l’Europa occidentale dal controllo nazista e per onorare i caduti.

“Questi sono gli uomini che hanno reso possibile alla libertà di riguadagnare un punto d’appoggio nel continente europeo e che nei giorni e nelle settimane che seguirono hanno sollevato le catene della tirannia, recinzione per siepe della Normandia, miglio dopo miglio sanguinoso”, in Francia, Lord Edward Llewellyn, all’inaugurazione di un nuovo memoriale britannico per gli eroi del D-Day.

Durante il D-Day, più di 150.000 soldati alleati sono sbarcati sulle spiagge chiamate in codice Omaha, Utah, Juno, Sword e Gold, con 7.000 barche a bordo. Il 6 giugno di quest’anno, le spiagge erano vaste e quasi vuote con l’alba, esattamente 77 anni dall’invasione dell’alba.

Per il secondo anno consecutivo, le celebrazioni dell’anniversario prevedono restrizioni di viaggio a causa di virus che hanno impedito a veterani o famiglie di soldati morti provenienti da Stati Uniti, Gran Bretagna, Canada e altri paesi alleati di effettuare il viaggio in Francia. Solo pochi funzionari consentivano eccezioni.

Al memoriale della Normandia britannica di recente costruzione vicino al villaggio di Vers-sur-Mer, le cornamuse suonavano melodie commemorative e gli aerei da guerra si libravano sopra la testa, trascinando fumo rosso, bianco e blu. I partecipanti a distanza sociale sono rimasti in soggezione per la solennità e la serenità del sito, offrendo una vista affascinante e commovente di Gold Beach e del Canale della Manica.

READ  Il ministro degli Esteri israeliano arriva in Egitto per colloqui su un cessate il fuoco permanente a Gaza | Notizie su Gaza

Il nuovo memoriale onora coloro sotto il comando britannico che morirono il D-Day e durante la battaglia di Normandia.

Un testo inciso sul muro diceva: “Sono morti perché l’Europa fosse libera”.

I visitatori si sono alzati per salutare gli oltre 22.000 uomini e donne, la maggior parte dei quali soldati britannici, i cui nomi erano incisi sui suoi pilastri di pietra. Gli schermi giganti hanno mostrato i veterani del D-Day che si radunavano simultaneamente all’Aboretum National Monument in Gran Bretagna per guardare l’evento in Normandia da lontano. Il principe Carlo, parlando tramite il collegamento video, ha espresso il suo rammarico per non poter partecipare di persona.

Il 6 giugno 1944, il ministro della Difesa francese Florence Parly disse alla cerimonia “Nel cuore della nebbia che avvolgeva la costa della Normandia… c’era un fulmine di libertà”. “La Francia è indimenticabile. La Francia è per sempre grata.”

Charles Shay, un nativo americano di Penobscot che ha prestato servizio come medico dell’esercito degli Stati Uniti il ​​6 giugno 1944 e ora chiama la sua casa in Normandia, è stato l’unico veterano del D-Day sopravvissuto al Ver-sur-Mer Gala.

Era presente anche un altro veterano della battaglia di Normandia, il capitano britannico David Millcrest. Sbarcò con la sua squadra in Normandia il 12 giugno 1944 per sostituire gli ufficiali morti nei primi giorni dei combattimenti.

Shay ha poi partecipato a un servizio commemorativo al cimitero americano nel corso della giornata a Colville-sur-Mer, un’acrobazia di supervisione su Omaha Beach, a cui hanno partecipato funzionari di Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna, Germania e altre nazioni alleate.

Il cimitero contiene 9.380 tombe, per lo più di soldati che hanno perso la vita negli sbarchi del D-Day e nelle operazioni che seguirono. Altri 1.557 nomi sono incisi sulle pareti dei dispersi.

READ  Zaghari-Ratcliffe emette un'altra pena detentiva in Iran | Notizie carcerarie

La maggior parte degli eventi pubblici è stata cancellata e le cerimonie ufficiali sono state limitate a pochi ospiti e dignitari.

Dennis van den Brink, un esperto della seconda guerra mondiale che lavora nella città di Karentan, un sito strategico di battaglia vicino a Utah Beach, ha ammesso: “La grande perdita, la grande assenza sono tutti i veterani che non hanno potuto viaggiare”.

“Fa davvero molto male perché hanno tutti 95 o 100 anni, e si spera che durino per sempre. Ma, sai…”.

“Almeno restiamo con un certo spirito di festa, e questo è ciò che è più importante”, ha detto all’Associated Press.

Durante il fine settimana, molti locali sono andati a visitare i monumenti per commemorare i momenti decisivi dei combattimenti e per esprimere la loro gratitudine ai soldati. I fan della storia francese nella seconda guerra mondiale e alcuni viaggiatori dei vicini paesi europei possono essere visti anche in jeep e veicoli militari sulle piccole strade della Normandia.

Alcuni mercanti sono venuti a Omaha Beach nelle prime ore del giorno per onorare coloro che erano caduti quel giorno, portando fiori e bandiere americane.

Durante il D-Day, 4.414 soldati alleati persero la vita, inclusi 2.501 americani. Più di 5.000 feriti. Da parte tedesca, diverse migliaia furono uccise o ferite.

La Normandia ha più di 20 cimiteri militari, per lo più soldati americani, tedeschi, francesi, britannici, canadesi e polacchi che hanno partecipato alla storica battaglia.

I notabili hanno sottolineato l’importanza di mantenere viva l’eredità del D-Day per le generazioni a venire.

“Di fronte alle minacce di oggi, dobbiamo lavorare insieme e mostrare unità, in modo che la pace e la libertà possano continuare”, ha detto Barley.

READ  Gli Stati Uniti e il Canada hanno risposto alle sanzioni "infondate" della Cina mentre la disputa sullo Xinjiang si aggravava Uiguri

——

Nicholas Garriga ha contribuito a questo rapporto di Ver-sur-Mer.

——

Una versione precedente di questa storia ha corretto il cognome dell’ambasciatore britannico in Llewellyn, non Llewelyn.

Sergio Venezia

"Fanatico del web. Aspirante evangelista del bacon. Appassionato di musica esasperatamente umile. Lettore estremo. Pensatore amichevole. Pioniere televisivo."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Read also x