Stewart Barnes critica la “mania malsana” del Galles e lamenta la perdita dei club di identità gallesi

Stuart Barnes, un ex esperto di rugby e pallavolo dell’emisfero inglese, ritiene che escludere una squadra di professionisti gallesi e ridurre il numero a tre non farà che accelerare il declino di questo sport in questo paese.

Barnes, che ha rappresentato il Galles a livello di alunni e ha giocato per Newport all’inizio della sua carriera, si è anche lamentato della “malsana ossessione” del Galles per la squadra nazionale poiché il gioco professionistico determina dove dovrebbe girare dopo. Crede anche che il concetto territoriale, allontanandosi dai club tradizionali, sia stato in primo luogo un malinteso per il Galles.

I problemi sono rimasti sotto la superficie per qualche tempo in Galles, che è stata coperta dal relativo successo della nazionale. Tuttavia, la sconfitta contro l’Italia – la prima volta che si è verificata sul suolo gallese – all’inizio di quest’anno ha spazzato via i guai. Le cose sono arrivate al culmine con suggerimenti che la via da seguire in Galles fosse quella di ridurre il numero di squadre professionistiche da quattro a tre.

Leggi di più: Stewart Barnes è stato chiamato a sostituire JPR in Galles prima di un messaggio che ha lasciato gli allenatori sgomenti.

Si ritiene che ciò fornirà alcuni fondi tanto necessari per rafforzare i restanti tre e renderli competitivi nello United Rugby e in Europa, dove sono stati in gran parte anche loro.

Nonostante questo, Barnes teme che perdere una squadra non avrà necessariamente l’effetto desiderato.

Scrive nella sua rubrica per The Timesha detto: “Quello che una volta era il gioco di club più competitivo del mondo, è in lento e triste declino. Il Galles è un paese che ama la sua nazionale, ma era innamorato del rugby. Ci sono squadre. Ossessione per il primo ha sconvolto il secondo, quindi non è stato sorprendentemente l’anno in cui il Galles ha perso in casa contro l’Italia è stato l’anno in cui un piano per sciogliere un’altra squadra ha fatto notizia.

READ  Gareth Southgate afferma che Callum Hudson-Odoi del Chelsea "ha perso un'opportunità" insultando l'Inghilterra

“Il lato buono di Warren Gatland ha nascosto il problema a lungo termine. Il Galles ha vinto il Campionato Sei Nazioni in sei occasioni in questo secolo. È un buon record, ma le basi si stavano sgretolando dal basso con aree di carriera in costante indebolimento. L’identità è stata sacrificata per il bene del sistema finalizzato ad aiutare la nazionale Come offerta di lavoro, affidarsi al Team Wells è diabolicamente rischioso.

“Il Galles è stato – al suo massimo – la terra tribale del rugby. Ridurre il numero di squadre professionistiche non farà che accelerare il declino di questo sport. Sta iniziando a sembrare un declino inevitabile.

“I modelli professionistici di rugby regionale/regionale erano inadatti al Galles quanto ottimi per l’Irlanda. Il Galles aveva squadre con un’identità straordinaria”.

Le proposte saranno presentate al Professional Game Board entro la fine del mese, quando i rappresentanti delle quattro regioni dovranno concordare una via da seguire.

Cinzia Necci

"Professionista di musica estrema. Twitter geek. Aspirante fanatico di viaggi. Nerd appassionato di alcol."

Related Posts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Read also x