― Advertisement ―

spot_img

Harper's Bazaar Italia nomina Massimo Russo caporedattore

Milano— La rivista italiana Harper's Bazaar sta mettendo insieme una squadra per guidare il prossimo capitolo della rivista patinata, introdotta nel paese nel 2019. Massimo...
HomeEconomyIl CEO di Mill esorta le principali aziende a passare al cartone...

Il CEO di Mill esorta le principali aziende a passare al cartone prodotto in Nuova Zelanda

Gran parte dell’imballaggio utilizzato in questo paese viene importato da paesi come Cina, Corea, Finlandia e Cile.
immagine: pixabay

Il capo di una cartiera a Whakatāne sta esortando i grandi marchi a ridurre la loro dipendenza dalle importazioni di cartone.

Attualmente, la maggior parte degli imballaggi utilizzati in Nuova Zelanda proviene da paesi come Cina, Corea, Finlandia e Cile.

Ian Halliday, CEO di Whakatane Mill Ltd (WML), ha iniziato a pubblicizzare i vantaggi economici e ambientali dell’acquisto locale.

Sperava che aziende come DB Breweries, McDonalds e Griffins facessero un uso maggiore del prodotto neozelandese disponibile.

“Vorremmo che usassero in modo più esplicito. In generale, molti dei prodotti finali sono già importati”, ha affermato Halliday.

“Lavoriamo con loro – possiamo lavorare direttamente o indirettamente, ma in generale preferiamo consultarci direttamente con loro per convincerli a incoraggiare i trasformatori a utilizzare il nostro prodotto”.

In qualità di unico produttore di fogli per scatole pieghevoli in Australia, WML fornisce il componente grezzo dei trasformatori di imballaggio per convertirli nei prodotti per l’uso finale che vendono.

Quindi i proprietari dei marchi specificano quale carta viene utilizzata nei loro prodotti finali.

“Le DB Breweries saranno le confezionatrici di birra che entrano nei negozi di bottiglie, i Griffins saranno i pretzel. Di solito i McDonalds saranno le patatine fritte, i gusci di vongole, gli Happy Meals. Questa è la nostra tavolozza ma è stata trasformata da adattatori big-box come Opal, WestRock, Graphic Packaging, ecc.”

Nel frattempo, un investimento multimilionario nella cartiera ha segnato la sua spesa in conto capitale più significativa in 20 anni.

La fabbrica era sul punto di chiudere nel 2021, ma si è ripresa per assicurarsi il futuro come uno dei maggiori datori di lavoro nella Baia di Plenty.

READ  Il papa critica il trattamento riservato agli immigrati quando gli italiani diventano santi

Halliday ha affermato che l’aggiornamento da 70 milioni di dollari aumenterà la produzione di cartone utilizzato per l’imballaggio in una varietà di settori.

Ha detto che c’è stato un grande sostegno da parte degli azionisti da parte del consorzio di investitori europei e neozelandesi che ha rilevato l’impianto dai precedenti proprietari SIG Combibloc poco più di due anni fa.

“In qualità di più grande datore di lavoro privato a Whakatán, con una storia di esportazione che dura da 80 anni, questo momento è un passo importante verso un futuro luminoso, positivo e sostenibile per WML”, ha affermato Halliday.

La piena produzione sarà raggiunta entro novembre con le attrezzature più recenti importate da Finlandia, Germania e Italia.

L’aggiornamento fornisce ulteriori 50.000 tonnellate di pannelli per casse pieghevoli premium, aumentando la produzione di WML da 150.000 a 200.000 tonnellate.