― Advertisement ―

spot_img

Harper's Bazaar Italia nomina Massimo Russo caporedattore

Milano— La rivista italiana Harper's Bazaar sta mettendo insieme una squadra per guidare il prossimo capitolo della rivista patinata, introdotta nel paese nel 2019. Massimo...
HomeEconomyOpinione: Il fallimento fiscale bancario dell’Italia: il Canada deve imparare la lezione...

Opinione: Il fallimento fiscale bancario dell’Italia: il Canada deve imparare la lezione sui mali della politica fiscale populista

Le immagini non sono disponibili offline.

FOTO DEL FILE: Il primo ministro italiano Giorgia Meloni e il primo ministro polacco Mateusz Morawiecki tengono una conferenza stampa congiunta a Varsavia, Polonia, il 5 luglio 2023, REUTERS/Kasper Pempel/file Photo

Casper Pemble/Reuters

Jeremy Kronick è vicepresidente associato e direttore del Centro per la politica fiscale e monetaria presso il CD Howe Institute. William Robson è amministratore delegato del CD Howe Institute.

Nelle politiche pubbliche, come nella vita in generale, spesso riconosciamo gli errori degli altri più facilmente di quanto riconosciamo gli errori che commettiamo noi stessi. L’Italia ha commesso un grosso errore quando ha imposto una tassa inaspettata alle sue banche, e i canadesi dovrebbero prenderne atto.

Il mese scorso, il governo di coalizione del primo ministro italiano Giorgia Meloni ha annunciato un’ulteriore tassa del 40% sui profitti delle banche del paese. L’annuncio ha portato al crollo dei titoli bancari – una perdita di 10 miliardi di euro in un giorno – e a una tempesta di critiche da parte di investitori, economisti e rappresentanti eletti, compresi i membri della coalizione.

La storia continua sotto l’annuncio

Da allora il governo Meloni ha fatto marcia indietro, fissando un tetto massimo all’1% degli asset bancari ed esentando le banche più piccole. Ma la situazione è ancora instabile. La sconsiderata mossa populista dell’Italia ha scosso il governo e minato la fiducia nella sua gestione di un’economia già traballante.

Potrebbe succedere in Canada? Potrebbe accadere, e qualcosa del genere è effettivamente accaduto. Nel 2021, il governo federale ha annunciato un aumento dell’aliquota dell’imposta sulle società per banche e compagnie di assicurazione dal 15% al ​​18% e un’imposta quinquennale “Canada Recovery Dividends” del 15% sul reddito imponibile del 2021. più di 1 miliardo di dollari. Anche questa proposta ha incontrato problemi e il governo si è parzialmente tirato indietro, riducendo l’aliquota della sovrattassa al 16,5% e modificando la base di reddito della CRD per limitarne l’impatto.

READ  I fondi di private equity si avvicinano alla Serie A per esplorare le fonti degli accordi sui diritti dei media

Poi, nel Bilancio 2023, il governo ha perseguito un altro piano per fare pressione su banche e assicuratori: non riconoscerebbe più che i dividendi canadesi detenuti dalle istituzioni finanziarie sono pagati con il reddito al netto delle imposte, e li tasserebbe nuovamente.

I tentativi del Canada di raccogliere ulteriori tasse dalle istituzioni finanziarie hanno già danneggiato risparmiatori, lavoratori e clienti. Il governo federale deve rimediare a questo danno – e ridurre il potenziale di danni futuri – revocando completamente queste misure punitive..

La storia continua sotto l’annuncio

È facile comprendere il fascino popolare di questi Tipi di modifiche fiscali, sia in Italia, Canada o altrove. Molte persone credono che le tasse sulle società siano denaro gratuito per i governi – tasse che nessuna persona reale è tenuta a pagare. I populisti credono che la politica fiscale sia uno strumento per aiutare i propri amici e danneggiare i propri nemici. Con tassi di interesse così bassi e spese generose da parte dei governi durante la pandemia, il conseguente aumento temporaneo dei profitti bancari è passato in cattiva luce quando molte persone e imprese stavano soffrendo.

Ma questi motivi non sono sufficienti per giustificare l’imposizione di tasse speciali sugli istituti finanziari o su qualsiasi altra attività. Alcune tasse sulle società hanno senso: i servizi pubblici costano denaro, molti servizi pubblici aiutano le imprese a operare e le tasse sulle società riducono le opportunità per le persone di evitare le tasse personali attraverso la costituzione.

Ma le istituzioni finanziarie, come tutte le aziende, sono entità legali, non persone reali, e le vere persone in carne e ossa sono quelle che pagano le tasse: persone che possiedono azioni, direttamente o attraverso le loro pensioni e altri conti; dipendenti; E clienti. Le tasse influenzano il comportamento: tasse più elevate su qualcosa, che si tratti di lavoro, investimenti o innovazione, di solito ne frutteranno meno.

READ  L'Antitrust italiano controlla l'unità autostradale di Atlantia per non aver tagliato i pedaggi

Come ci ricorda il crollo dei titoli bancari italiani, l’impatto diretto delle tasse aggiuntive sulle banche sarà solitamente avvertito dagli attuali proprietari delle loro azioni. Nel corso del tempo, i risparmiatori sposteranno i loro soldi in settori diversi, magari fuori dal Paese. Ciò avrà ripercussioni sui dipendenti, la cui produttività e i cui salari risentiranno della riduzione degli investimenti.

La storia continua sotto l’annuncio

In definitiva, l’onere ricade sui consumatori. Soffriranno direttamente, a causa di commissioni più elevate, premi, interessi passivi e riduzione dell’offerta di servizi finanziari. Soffriranno anche indirettamente, dal momento che tutte le imprese utilizzano servizi finanziari, il che significa che gli stessi costi più elevati e le stesse offerte scontate aumenteranno i prezzi e ridurranno i beni e i servizi disponibili in tutta l’economia.

Anche la notevole tendenza e il calo in Italia, e una versione più contenuta in Canada, sollevano preoccupazioni più generali. Le iniziative sconsiderate dei governi, seguite dallo smembramento e dal rapido cambiamento, alzano la bandiera per tutti. Allora perché lavorare, o risparmiare e investire, in un ambiente così instabile quando le alternative sono più sicure? Altri imprenditori, dipendenti e clienti si chiederanno legittimamente: “Siamo i prossimi?” Se il populismo, e non l’equità e la logica economica, guida la politica fiscale, chi può davvero sentirsi sicuro?

La lezione delle buffonate dell’Italia si applica ovunque, compreso il Canada. I governi dovrebbero resistere alle richieste populiste di imporre tasse discriminatorie alle istituzioni finanziarie, o a qualsiasi altro settore. Devono guidare in modo responsabile. Dovrebbero sottolineare che le persone – siano essi risparmiatori, lavoratori o clienti – pagano tutte le tasse raccolte dai governi. Dovrebbero discutere i vantaggi della parità di trattamento nei diversi settori. Devono riflettere attentamente sulle politiche in anticipo, senza danneggiare la fiducia con annunci avventati seguiti da ritiri improvvisati.

READ  Questo è quello che succede dopo averli presi

L’Italia ha commesso un errore più drammatico del nostro, ma la motivazione è stata la stessa. Possiamo e dobbiamo essere più intelligenti di così.